La "Scuola che guarda al futuro" di Patrizio Bianchi

L'intervento del Ministro dell'istruzione al seminario del Gruppo dei 20

Il dato di partenza è noto. L’Italia è un paese con un’assai bassa percentuale di laureati: il28% contro il 44% della media OCSE, ma anche con un tasso di abbandono del 3,8% nelle scuole secondarie di primo grado e una percentuale del 14,5% di coloro che non vanno oltre il livello secondario d’istruzione di primo grado, quando l’obbiettivo europeo è quello del 10%. Senza contare l’alto numerodi NEET, giovani che né lavorano, né studiano.
In questa condizione è chiaro che il post-pandemia non può essere il ritorno alla“normalità” del passato. Ecco perché, comunque si argomenti sui rapporti tra istruzione e sviluppo, il capitolo del PNRR sulla scuola e l’istruzione è assolutamente centrale per il nostro futuro. Tanto più che si è raggiunto il più ampio consenso sull’idea che viviamo nella società della conoscenza e dunque l’istruzione è decisiva per l’oggi e il domani. Patrizio Bianchi ha una grande responsabilità come Ministro dell’Istruzione, ma ha il vantaggio di aver diretto, con molta efficacia, la Commissione che ha prodotto il Rapporto su “Una Scuola che guarda al Futuro”. Dal Rapporto emerge con forza ilbisogno di nuove competenze, ma anchel’esigenza di nuovi processi educativi al passocon la necessità di comprendere la nuova realtà che avremo di fonte nella postpandemia. Il PNRR destina al potenziamento dei servizidi istruzione 19,44 miliardi con l’idea di fronteggiare sia l’alto tasso di abbandono della Scuola, che i divari territoriali di istruzione. Ma anche il gap di competenze di base che si è verificato nel paese, nonché il divario tra l’offerta di competenze e ladomanda di lavoro.

Questi i temi al centro del webinar del Gruppo dei 20 su "PNRR, istruzione e scuola" che si è tenuto il 30 giugno, aperto dalla relazione del Ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, che ha presentato il progetto di riforma della scuola e del sistema scolastico. A seguire gli interventi di Luigi Paganetto, Giovanni Brugnoli, Marco Bentivogli, Andrea Gavosto, Susanna Di Martino.

Scarica la locandina

 

» Documenti a supporto

- L'ora di una buona scuola (via PNRR)
   di Luigi Paganetto, Presidente FUET

Mercoledì 30 Giugno 2021